Sila Sede: via Nazionale snc - 87055 Lorica di San Giovanni in Fiore (CS)
351

Il Parco Nazionale della Sila tutela un complesso montuoso antichissimo – generato da una orogenesi antecedente a quella da cui ebbe origine l’Appennino – che si eleva con una profonda scarpata dalle piane circostanti per dar vita ad un vasto altopiano, posto ad una quota compresa tra 1200 e 1500 m. Il toponimo Sila deriva un termine osco corrispondente al latino silva. Tutto il comprensorio, infatti, era fin dall’antichità ricoperto da immense foreste che ne costituivano il principale elemento distintivo.

Non esistono molte informazioni riguardo alla presenza antropica in epoca preistorica. Fino a poco tempo fa si riteneva che la frequentazione dell’uomo fosse solo episodica; probabilmente il clima e la copiosa presenza di specie pericolose di fauna rendevano questi luoghi poco ospitali. Studi recenti suggeriscono invece una presenza stabile di piccoli nuclei che vivevano in capanne e grotte (tracce ritrovane nella Grotta di Boia, a Campana), realizzavano armi con la punta di pietra o ossidiana, probabilmente tagliavano gli alberi e utilizzavano la legna, come evidenziato dalle grandi asce di bronzo rinvenute in località Timparello dei Ladri, nei pressi del Lago Ampollino.
Anche nei periodi successivi la Sila rimane priva di veri e propri insediamenti. Le popolazioni calabre – Itali, Enotri, Morgeti – vivono nelle piane circostanti e frequentano saltuariamente l’altopiano per utilizzarne le abbondanti risorse naturali.

Intorno alla metà dell’VIII secolo a.C. vengono fondate sul Mar Jonio, a pochi km dalle propaggini orientali della Sila, Sybaris e Kroton, destinate a diventare due dei centri di maggiore rilevanza culturale e politica della Magna Grecia. I terreni circostanti vengono disboscati e destinati ad attività agricole. Le colonie migliorano rapidamente le proprie condizioni economiche e rafforzano gli scambi commerciali. Allo scopo non utilizzano solo rotte marine ma anche percorsi interni – coincidenti prevalentemente con le valli fluviali – per raggiungere la costa tirrenica. Nel IV sec. a. C., con la decadenza delle colonie greche, inizia un graduale processo di trasformazione del territorio. In quel periodo approdano in Calabria i Bruzi, genti provenienti dal nord e dediti essenzialmente alla caccia, alla pastorizia e all’agricoltura. Erano specializzati nella realizzazione della pece, a partire dalla resina estratta dalle conifere, molto usata nell’antichità per impermeabilizzare botti o contenitori, per la costruzione delle navi, per realizzare i calchi nella statuaria bronzea o, come scrive Plinio il Vecchio, impiegata nella cosmesi e in medicina.

Ben presto i Bruzi (o Brettii) fondano le proprie città – Consentia, Pandosia, Petelia – ed entrano in forte conflitto coi coloni greci, ormai chiamati Italioti, attaccando e conquistando alcune delle loro città, tra cui anche Hipponion, l’attuale Vibo Valentia, e Sybaris. È il punto più alto della civiltà di questo popolo, che guarda con ostilità alle mire espansionistiche di Roma. Non a caso nel 280 a.C. i Bruzi si alleano con Pirro contro i Romani che, al termine del conflitto concluso vittoriosamente, li castigano duramente confiscando grandi estensioni di foresta e iniziando a prelevare enormi quantità di legname per la costruzione di edifici e navi. La storia si ripete sostanzialmente identica in occasione delle Guerre Puniche, allorché i Bruzi si schierano a fianco di Annibale. Quando, nel 203 a.C., il generale abbandona la Calabria, i Romani spengono facilmente i focolai di rivolta e infliggono una punizione ancora più severa: tolgono a Consentia la carica di città-stato, sciolgono la Confederazione bretta, confiscano quasi tutto il territorio trasformandolo in colonia romana. L’ultimo episodio di questa saga si ha nel I secolo a.C., allorché i Brettii tentano di riacquisire maggiore autonomia unendosi alla rivolta di Spartaco, che per molti mesi trova rifugio e sostentamento in Sila. Più di 10.000 Bruzi muoiono nella battaglia finale, nel 71 a.C.. Da allora Roma mette in atto una politica aggressiva di sfruttamento del territorio, disboscando intensamente i rilievi della Sila.

Successivamente per lungo tempo questo comprensorio rimase selvaggio e privo di importanti insediamenti stabili. Nel 1189 il monaco cistercense Gioacchino da Celico – passato alla storia come Gioacchino da Fiore – fonda un monastero, chiamato la Badia, e dà vita all’ordine Florense. La Badia ricevette negli anni donazioni e aiuti fiscali da parte dei diversi sovrani che si susseguirono, affascinati dalla figura autorevole dell’abate Gioacchino, la cui fama di studioso era diffusa in tutta Europa. Attorno al monastero sorge, a partire dal 1500, il paese di S.Giovanni in Fiore, importante centro di cultura in Calabria che conserva un interessante centro storico. Nel resto del territorio continua e anzi si inasprisce il fenomeno del disboscamento. Molti terreni forestati demaniali – destinati anche ad usi civici – vengono “usurpati” da privati e convertiti a terreni agricoli. Questo fenomeno, che si protrae fino all’800, crea forti tensioni e determina una ulteriore e dissennata distruzione delle risorse forestali. Pastori, contadini e grandi proprietari terrieri, infatti, incendiano sistematicamente i boschi per ottenere superfici da coltivare. Lo sviluppo delle attività rurali determina lo stanziamento di nuova popolazione stabile e l’ampliamento di nuclei insediativi già esistenti che divengono vere e proprie cittadine, quali ad esempio Celico, che diede i natali a Gioacchino da Fiore, Spezzano della Sila, Taverna, dal latino taberna che si riferisce probabilmente ad una tappa della strada che in epoca romana saliva dalla costa ionica fino alla Sila.

Tra il 1860 ed il 1875, soprattutto per le preoccupazioni destate da atti di brigantaggio, il nascente Stato unitario, interviene sul sistema stradale, con la costruzione di circa 180 km di viabilità. Questo contribuisce a incrementare la dinamica di antropizzazione e artificializzazione del territorio, anche perché – nel frattempo – lo sfruttamento del legname dei boschi avviene adesso in maniera industriale, con grandi concessioni gestite da società forestali provenienti da tutta Italia. Un’ulteriore e intensa fase di disboscamento si verifica nel secondo dopoguerra, quando gli alleati angloamericani saccheggiano le foreste di grandi conifere della Sila come atto di riparazione dei danni di guerra.
Poco dopo, nel 1956, viene inaugurato il secondo tratto della ferrovia a scartamento ridotto che avrebbe dovuto congiungere Cosenza a Crotone attraversando tutto l’altopiano. La ferrovia – attualmente chiusa – è tuttora considerata una delle massime opere di ingegneria ferroviaria in Italia; la fermata di Silvana Mansio, a 1405 m di altitudine, è la più alta d’Italia.

I confini del Parco

Fai click sul nome di ciascun comune per scoprire i beni presenti nel suo territorio

Tipo post
Bene culturale
Parco nazionale